Madrid promette tank a Kiev, Atene prende tempo per inviare i BMP-1

283666472_328358949477190_1218760823767297187_n

 

 

(aggiornato alle ore 18,00)

Mentre nel Donbass infuriano i combattimenti a Severodonetsk e nell’area di Slovijansk, continuano ad affluire armamenti e mezzi alle forze di Kiev e altre vengono promesse dagli stati membri della NATO.

Il governo spagnolo è pronto a fornire all’Ucraina armi pesanti, compresi carri armati Leopard 2A4 e missili antiaerei (probabilmente MBDA Mistral). Lo ha riportato il 5 giugno El Pa^s, citando fonti dell’esecutivo di Madrid. Finora la Spagna ha fornito all’Ucraina solo munizioni, dispositivi di protezione e armi leggere, come lanciagranate o mitragliatrici.

20671241376_0c14890a00_h

Secondo le fonti non confermate dal governo, Madrid si prepara a fornire all’Ucraina carri armati Leopard 2 e una batteria di missili antiaerei garantendo l’addestramento necessario al personale ucraino in parte in Lettonia, dove è presente un battaglione dell’Ejercito de Tierra di 500 militari, e in parte in territorio spagnolo.

La Spagna dispone di poco più di un centinaio di Leopard 2A4, segnalati in precarie condizioni di manutenzione, dei quali la metà sono in Riserva e di essi circa 40 (secondo El Paìs) sarebbero disponibili per essere ceduti senza privazioni per i reparti operativi spagnoli.  La cessione dei Leopard 2A4 a Kiev, carri di costrizione tedesca, necessita l’autorizzazione di Berlino.

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha precisato che se la richiesta verrà presentata, sarà esaminata. In caso di approvazione si tratterebbe dei primi carri armati di tipo occidentale forniti all’esercito Ucraino. A Berlino esponenti del Partito socialdemocratico (SPD) hanno finora sottolineato che esiste un accordo informale tra gli stati della Nato per non fornire questo tipo di armi.

La Grecia ha confermato la disponibilità a cedere all’esercito Ucraino i suoi veicoli corazzati da combattimento di origine sovietica BMP-1 ma solo dopo che la Germania avrà inviato ad Atene un lotto equivalente di cingolati Marder.

XlQihAH

Il portavoce del governo greco, Yiannis Economou, durante una conferenza stampa ha precisato che “Non ci sarà nessuna lacuna nella Difesa del Paese” rispondendo alle giunte dal principale partito di opposizione, Syriza, che lamentava il rischio di un gap nella difesa delle isole.

La Svizzera, che ha finora negato alla Germania la cessione agli ucraini del munizionamento da 35 mm per i semoventi antiaerei Gepard e alla Danimarca dei ruotati 8×8 Piranha III, ha invece autorizzato Berlino a fornire all’Ucraina 42 vecchi carri armati Leopard 2A4 già in servizio nell’esercito elvetico ma rivenduti 12 anni fa a Rheinmetall. Mezzi a cui erano stati smontati armamenti e dotazioni,

Dal 1987 l’Esercito Svizzero acquisì 380 Leopard 2A4 dei quali 35 prodotti in Germania e gli altri in Svizzera (designati Panzer Pz 87). Oltre ai 42 venduti a Rheinmetall e ai 12 modificati in carri da sminamento per il Genio, la Svizzera ha ammodernato 134 tank oggi in servizio coi reparti corazzati di prima linea mentre altri 190 tank sono in Riserva.

aposcot-official-20201022-077-063

Il Regno Unito sta inviando i lanciarazzi multipli cingolato M270 in Ucraina con razzi in grado di colpire obiettivi fino a 80 chilometri di distanza: lo stesso munizi9namento fornito agli ucraini dagli Stati Uniti per i 4 sistemi multiplo ruotati HIMARS che Washington si è impegnata a fornire a Kiev. Lo ha reso noto il segretario alla Difesa Ben Wallace che non ha voluto precisare il numero di lanciarazzi inviati che secondo la BBC sarebbero tre.

Il governo di Londra ha affermato che l’esercito ucraino sarà addestrato a utilizzare le armi nel Regno Unito nelle prossime settimane. “. Finora il supporto militare del Regno Unito all’Ucraina ammonta a oltre 750 milioni di sterline (874 milioni di euro).

“Gli obici semoventi M109A3 da 155 mm forniti all’Ucraina nell’ambito dell’assistenza tecnica internazionale dalla Norvegia, sono già in uso in prima linea” ha annunciato il comandante delle forze armate ucraine, il generale Valery Zaluzhny. La Norvegia potrebbe aver fornito a Kiev 22 obici semoventi di questo tipo con pezzi di ricambio e munizioni. Come riferisce il settimanale tedesco “Der Spiegel”, il personale ucraino che impiegherà gli M109 ha completato il necessario addestramento in Germania. Il ministero della Difesa norvegese ha fatto sapere che le future “donazioni” di armi all’Ucraina “potrebbero non essere annunciate o commentate”.

La Polonia fornirà all’Ucraina armi per un valore di quasi 630 milioni di dollari: lo ha affermato il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki durante la visita allo stabilimento di Stalowa Wola dove vengono prodotti mezzi corazzati e semoventi d’artiglieria destinati anche all’e forze ucraine.

Missili russi hanno distrutto carri armati T-72 e altri veicoli corazzati nei pressi di Kiev, forniti all’Ucraina da Paesi dell’est Europa. Lo ha reso noto ieri il ministero della Difesa russo, secondo cui le forze aerospaziali hanno usato missili a lungo raggio ad alta precisione nei raid condotti contro la periferia della capitale.

800px-Tupolev_Tu-95_in_flight

Nel mirino dei missili da crociera (probabilmente vecchi Kh-22 lanciati da bombardieri Tupolev Tu-95) un grande stabilimento industriale utilizzato secondo Mosca per ammassarvi i mezzi corazzati di tipo “sovietico” che finora sono stati forniti a Kiev da Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia.

Foto: Ministero Difesa Ucraino, Esercito Spagnolo, Esercito Greco, Esercito Britannico e Ministero Difesa Russo

 

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password