Referendum: verso l’annessione alla Russia dei quattro oblast ucraini

DONETSK, DONETSK PEOPLE'S REPUBLIC – SEPTEMBER 22, 2022: Preparations for a referendum to join Russia. On September 19, DPR and LPR Public Chambers appealed to DPR head Pushilin and LPR head Pasechnik with an initiative to immediately hold referendums on joining Russia. The next day DPR and LPR authorities announced that the referendum would be held onSeptember 23-27. Nikolai Trishin/TASS

ÄÍÐ. Äîíåöê. Ïîäãîòîâêà ê ðåôåðåíäóìó î âõîæäåíèè â ñîñòàâ ÐÔ íà èçáèðàòåëüíîì ïóíêòå. Îáùåñòâåííûå ïàëàòû Äîíåöêîé è Ëóãàíñêîé íàðîäíûõ ðåñïóáëèê 19 ñåíòÿáðÿ îáðàòèëèñü ê ãëàâàì ðåñïóáëèê Ïóøèëèíó è Ïàñå÷íèêó ñ èíèöèàòèâîé íåìåäëåííî ïðîâåñòè ðåôåðåíäóìû î âõîæäåíèè â ñîñòàâ Ðîññèè. Íà ñëåäóþùèé äåíü âëàñòè ÄÍÐ è ËÍÐ ñîîáùèëè, ÷òî ðåôåðåíäóì ïðîéäåò ñ 23 ïî 27 ñåíòÿáðÿ. Íèêîëàé Òðèøèí/ÒÀÑÑ

 

 

I funzionari filorussi hanno reso noto che tutte e quattro le regioni dell’Ucraina occupate hanno votato per unirsi alla Russia: il 93% dei voti espressi nella regione di Zaporizhzhia ha sostenuto l’annessione, così come l’87% nella regione di Kherson, il 98% nell’autoproclamata repubblica di Luhansk e il 99,23% in quella di Donetsk.

Il risultato evidenzia una maggiore adesione all’annessione alla Russia nelle due regioni del Donbass già riconosciute da Mosca come repubbliche popolari.

L’esito dei referendum, considerati illegittimi da Ucraina e Occidente e che ben difficilmente verranno riconosciuti da gran parte della comunità internazionale, era del resto scontato considerato che la gran parte dei cittadini di queste quattro regioni rimasti nelle loro case dopo l’arrivo delle forze russe sostiene la causa dell’annessione come i quasi 3 milioni di rifugiati riparati nei territori della Federazione in seguito alla guerra.

SOCHI, RUSSIA - DECEMBER 7, 2021: Russia's President Vladimir Putin is seen in the Bocharov Ruchei residence in Sochi as he chairs a videoconference meeting of Russian government officials to discuss economic issues. Mikhail Metzel/POOL/TASS Ðîññèÿ. Ñî÷è. Ïðåçèäåíò Ðîññèè Âëàäèìèð Ïóòèí ïðîâîäèò â ðåæèìå âèäåîêîíôåðåíöèè èç ðåçèäåíöèè "Áî÷àðîâ ðó÷åé" ñîâåùàíèå ïî ýêîíîìè÷åñêèì âîïðîñàì. Ìèõàèë Ìåòöåëü/POOL/ÒÀÑÑ

Allo stesso modo gran parte della popolazione fedele a Kiev è fuggita dalle regioni sotto il controllo delle truppe di Mosca.

Le autorità filorusse dell’oblast di Zaporizhzhia chiedono oggi l’annessione alla Federazione Russa e lo stesso passo ha annunciato alla TASS il leader della Repubblica popolare di Donetsk (Dpr), Denis Pushilin

Secondo diverse voci in Russia e in Occidente il presidente Vladimir Putin dovrebbe rivolgersi a entrambe le Camere del Parlamento russo il 30 settembre annunciando formalmente l’adesione dei territori occupati dell’Ucraina alla Russia.

Secondo due fonti citate dal quotidiano Vedomosti, l’ex direttore generale di Roscosmos, Dmitrij Rogozin, potrebbe divenire il governatore del nuovo distretto federale della Crimea, macroregione che sarà costituita dopo i referendum e comprenderà quindi gli oblast di Kherson, Zaporizhzhia, Donetsk e Luhansk e Crimea.

Rogozin, ex primo ministro e alla guida di Roscomos fino a poche settimane fa, sarebbe stato scelto per questo incarico per la necessità di selezionare “un nome di peso” per il difficile compito di gestire la regione.

Il governatore regionale di Kherson, Sergey Eliseev, ha dichiarato alla TASS che la lingua ucraina e il russo saranno usate allo stesso modo nella regione.

Con Vladimir Putin “non c’è più nulla di cui discutere” ha detto il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, in un videomessaggio al Consiglio di dell’Onu in merito ai referendum di fatto respingendo le ipotesi di apertura dei negoziati circolate in questi giorni.

5fb624733937158c

Il presidente ucraino ha del resto dichiarato che “la battaglia per il Donetsk è la priorità numero uno” affermando che Kiev sta facendo di tutto per frenare l’attività russa (forte soprattutto  nella zona di Bakhmut) mentre nel settore di Luhansk sarebbero ancora gli ucraini a mantenere l’iniziativa arginati da un rafforzato schieramento difensivo russo.

Sul piano militare fonti ucraine sostengono che Mosca sta “creando le condizioni necessarie alla mobilitazione o coscrizione forzata dei civili ucraini nelle aree della parte orientale del paese che verranno presto annesse”, a seguito dei referendum.

Il capo dell’amministrazione dell’oblast di Luhansk, Serhiy Haidai (fedele a Kiev), ha riferito che gli ufficiali russi hanno iniziato a consultare le liste dei diplomati negli istituti di studi medici a Luhansk per avviare una mobilitazione forzata di dottori da inviare sul fronte a sostegno delle forze russe.

Foto: TASS  e Ministero della Difesa Ucraino

 

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password