Libia: tempi lunghi per i negoziati, festa per IS e trafficanti

images1

Il premier del governo di Tobruk, Abdullah Al Thani (nella foto), ha affermato ieri in un’intervista al quotidiano  “Times of Malta” che i negoziati sotto l’egida dell’Onu potrebbero trascinarsi fino a dicembre, se non oltre, aggiungendo che il Congresso nazionale Generale (Gnc), il Parlamento di Tripoli, sta ostacolando il dialogo. “Cercano di avere un ruolo più forte nella Libia del futuro, e la stabilizzazione della Libia non farà ottenere loro alcun guadagno politico”, ha detto alludendo al Gnc.

Se le previsioni di al-Thani trovassero conferma significherebbe che nella nostra ex colonia non verrebbe varato nessun reale governo di unità nazionale per combattere con il supporto internazionale lo Stato Islamico (che sta dilagando nel Paese) e i trafficanti di esseri umani che inondano l’Italia di immigrati clandestini.

Per intenderci, sui temi che più riguardano l’Italia, non ci potrà essere nessuna autorizzazione alla missione europea Eunavfor Med per colpire i criminali sul territorio e nelle acque libiche né ci si può aspettare che sia l’ONU ad autorizzare un intervento militare che metterebbe a repentaglio gli infiniti e inconcludenti colloqui tra le parti guidati da Bernardino Leon.

Il rischio è quindi che, rispettando le decisioni dell’ONU e le ambigue indecisioni dei libici, la flotta europea sia costretta a imitare Mare Nostrum limitandosi a raccogliere clandestini affondandone in seguito i barconi.

Uno scenario che per l’Italia significherebbe, da qua a dicembre, almeno altri 100 mila clandestini superando il record di 170 mila arrivi dell’anno scorso.

(con fonte Ansa)

Foto AP e Marina Militare

Twitter @GianandreaGaian

Gianandrea GaianiVedi tutti gli articoli

Nato a Bologna, dove si è laureato in Storia Contemporanea, dal 1988 ha collaborato con numerose testate occupandosi di analisi storico-strategiche, studio dei conflitti e reportages dai teatri di guerra. Dal febbraio 2000 dirige Analisi Difesa. Collabora con i quotidiani Il Sole 24 Ore, Il Foglio, Libero, Il Mattino e Il Corriere del Ticino, con i settimanali Panorama e Oggi e con i periodici Limes, Gnosis e Focus Storia. E' opinionista delle reti tv RAI, RSI, Mediaset, Sky, La7 e radiofoniche Rai, Capital e Radio24. Ha scritto Iraq Afghanistan - Guerre di pace italiane.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password