L’elicottero Mil Mi-24LL PSV supera i 405 chilometri orari

mi-24ll_foxtrotalpha-jalopnik-com

Il dimostratore tecnologico russo del futuro elicottero ad alta velocità Mi-24LL PSV (“Perspektivny skorostnoi vertolet”, letteralmente in italiano “Futuro elicottero veloce”) avrebbe raggiunto e superato la velocità di crociera di 405 chilometri orari.
La dichiarazione resa dal rappresentante del Ministero della Difesa russa Colonnello Evgenji Poluyanov all’agenzia di stampa Interfax specifica che il velivolo avrebbe stabilito un nuovo record di velocità in volo livellato non ufficialmente registrato superiore ai 405 km/h.

Questo valore, qualora fosse stato registrato ufficialmente dagli organi competenti del FAI, avrebbe di fatto superato il record ufficiale (per l’appunto ancora imbattuto) di 400,87 km/h, realizzato ben trent’anni fa dall’elicottero britannico G-LYNX Westland Lynx.
Come allora il G-LYNX col suo rotore sperimentale BERP (British Experimental Rotor Programme), il dimostratore Mi-24LL PSV usa oggi un sistema molto simile di tecnologie specifiche.

Presentato alla mostra statica dell’ultimo MAKS 2015 il Mi-24LL PSV si differenzia dallo standard Mi-24 per la nuova sezione di naso “aerodinamica”, per i motori più potenti Klimov VK-2500 (generalmente in dotazione ai Ka-50/52 e ai Mi-28), per l’abitacolo monoposto e per un rotore principale sperimentale differente rispetto al classico usato sull’Hind che incarna le più recenti tecnologie aerodinamiche russe della ricerca dotato di cinque pale sperimentali con estremità ricurve.

Voci non confermate riportano in realtà che il volo del dimostratore oggetto della notizia sia avvenuto ai primi di ottobre (o fine settembre) e che il valore reale raggiunto in volo livellato sia stato quello di 407 Km/h.
Secondo le intenzioni dei costruttori il Mi-24LL PSV consentirà da un lato l’adozione da parte degli elicitteri d’attacco Mil Mi-28N e Mil Mi-35M di nuovi sistemi di rotori e pale al fine di aumentarne la velocità massima rispettivamente del 10% e del 13% e dall’altro lo studio di tecnologie specifiche per un progetto ex novo.

Foto: Foxtrot Alpha

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password