La brigata Friuli continua ad addestrare le forze aeromobili per Iraq e Afghanistan

7-apt%20v

Continua l’intenso impegno addestrativo della Brigata Aeromobile Friuli che da tempo prepara i contingenti elicotteristici e aeromobili da schierare in Iraq (Erbil) e Afghanistan (Herat) nell’ambito rispettivamente delle forze alleate della Coalizione (Operazione Inherent Resolve) e Nato (Operazione Resolute Support).

Assetti praticamente identici con 4 A-129D Mangusta e 4 NH-90 dei reggimenti elicotteri dell’Aviazione dell’Esercito 5° Rigel e 7°Vega, cui si aggiunge un plotone di fucilieri del 66° reggimento fanteria aeromobile, sono schierati in Iraq e Afghanistan e uno probabilmente molto simile verrebbe schierato in Libia se dovesse configurarsi la possibilità (al momento remota) di un intervento nazionale più consistente dell’attuale (l’operazione sanitaria Ippocrate) nella nostra ex colonia.

Il 25 novembre si è conclusa presso la Caserma Francesco Baracca di Casarsa della Delizia (Pordenone), sede del 5° Reggimento AVES Rigel la prima parte dell’Esercitazione denominata Airmobile Permanent Training V.
L’Attività, sviluppata con circa 300 militari appartenenti alla Brigata Aeromobile Friuli e diretta dal comandante della Brigata Aeromobile, Generale di Brigata Paolo Riccò, ha rappresentato un valido test per saggiare il livello di interoperabilità e integrazione sinergica raggiunta dalle unità di volo e fanteria.

4-apt%20v

In particolare, gli equipaggi del 7° Vega e del 5° Rigel hanno pianificato e condotto missioni di recupero di personale ferito-MEDEVAC (Medical Evacuation) /NEO (Noncombatant Evacuation Operation) o rimasto isolato-IP (Isolated Personnel) in ambiente non permissivo, oltre a missioni di esplorazione e sorveglianza dell’area d’impiego.

L’esercitazione ha permesso ai reparti di esprimere interoperabilità e standardizzazione procedurale esistente tra tutte le componenti di fanteria, elicotteri da esplorazione e trasporto tattico (NH 90) che l’attitudine e la capacità di comando e controllo fino ai minori livelli.
Analisi Difesa realizzò in giugno scorso un ampio reportage su questo tipo di esercitazioni seguendo la Airmobile Permanent Training III.

Foto Esercito Italiano

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password