Navi ospedale per l’emergenza virus: le proposte di Ferrando & Massone

hiresrenaissance-1200 (1) (002)

La proposta di Analisi Difesa (con l’articolo di Pietro Orizio) di attrezzare e navi ospedale, per fronteggiare il contagio da Coronavirus in modo flessibile con strutture mobili da dislocare nelle aree più colpite e compensare la carenza di posti letto negli ospedali, è entrata nel dibattito nazionale sul contrasto alla pandemia.

Significativo a questo proposito il contributo offerto a tale dibattito dalla società genovese di brokeraggio marittimo Ferrando & Massone, specializzata nell’attività di noleggio e vendita di traghetti passeggeri e merci e con una lunga storia di cooperazione con istituzioni dello Stato e grandi gruppi bancari nazionali e internazionali.

IMG_0981 (002)

Le foto che illustrano l’articolo mostrano una “barge”  noleggiata da Ferrando & Massone e allestita come hotel galleggiante

La società ha noleggiato navi passeggeri alla Protezione Civile nel 2011 per l’emergenza immigrati e alla Prefettura di Genova durante il vertice del G8 del 2001: unità navali che sono state impiegate come “hotel galleggiante” per le forze dell’ordine Italiane.

Ferrando & Massone ha noleggiato anche traghetti alla Prefettura di Napoli per il vertice NATO e più volte alla United States Maritime Administration (MARAD) unità “Ro-Ro” (cioè navi mercantili adibite al trasporto di mezzi rotabili/militari) e al Military Sealift Command statunitense) nel 2006 per l’evacuazione di civili dal Libano all’Europa.

IMG_1261 (002)

“In questo momento di emergenza causata dal coronavirus, lo Stato Italiano potrebbe noleggiare, direttamente o tramite la Marina Militare, le Prefetture o la Protezione Civile, navi passeggeri adibite ad ospedali galleggianti, con l’obiettivo di ridurre l’emergenza che sta portando al collasso tutti i principali ospedali italiani in termini di posti letto” dichiara ad Analisi Difesa Guido Fertonani, Managing Directors Ferrando & Massone.

“Rispetto al traghetto tradizionale, riteniamo che l’alternativa più efficace e funzionale potrebbe essere quella d’impiegare delle “barge”, cioè chiatte già adibite ad hotel che risultano più facili da gestire e probabilmente più economiche”.

IMG_1329 (002)

Circa le modalità di acquisizione Fertonani specifica che “esistono diverse forme contrattuali che si potrebbero adottare. Contratti tipo “bare boat” (cioè a scafo nudo) quando il noleggiatore utilizza la nave così come è, impiegando proprio personale adibito alla sala macchina, alla coperta oltre a marittimi per la pulizia giornaliera delle camere e personale per la cucina e la parte destinata a hotel o ospedale.

Oppure contratti su base “deck & engine” (scafo e macchina), dove il proprietario della nave mette a disposizione i marittimi adibito al controllo delle sale macchine e del ponte di comando, mentre il personale camera/cucina resta a carico del noleggiatore.

IMG_1121 (002)

Infine, l’opzione denominata “full crew” (pieno equipaggio) prevede che l’armatore impieghi proprio personale di macchina, coperta e anche per hotel e catering”.

Generalmente le navi tipo “barge” (chiatte) sono disponibili in Nord Europa mentre traghetti e navi a crociera possono essere reperite in Italia senza molte difficoltà in quanto l’emergenza coronavirus ha imposto la sospensione di gran parte del traffico marittimo.

IMG_1277 (002)

“Un’altra ipotesi percorribile – continua Fertonani – potrebbe vedere l’acquisto di una nave traghetto o di una chiatta adibita ad hotel galleggiante e provvedere presso un cantiere italiano alla conversione della stessa rendendo la nave esclusivamente dedicata alle esigenze ospedaliere.

L’importante è avere in breve tempo una chiara risposta circa l’interesse del governo italiano nei confronti di questa proposta in modo da permetterci di verificare le varie possibilità presenti sul mercato”.

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password