Caccia MiG-29 dalla Russia alla Siria (o in Libia)?

DNukxgSWkAEgMle

La Russia ha trasferito nei giorni scorsi in Siria sei caccia di quarta generazione MiG-29 Fulcrum di versione non meglio specificata.

Lo hanno riferito un canale Telegram russo interamente dedicato al tracking degli aerei militari di Mosca (utilizzando il noto sito Flightradar) e la contestuale testimonianza degli spotters iraniani che hanno comunicato di aver visto atterrare presso la base aerea iraniana di Hamadan (o Shahrokhi) nel nord-ovest del paese, un Tupolev Tu-154M (RF-85042) e sei caccia MiG-29 provenienti dalla base russa di Astrachan.

Mig29 EZG719YXYAIIeL1

Un Mig 29 russo privato delle insegne nella base aerea russa in Siria di Hmeimim prima del trasferimento in Libia

La base iraniana venne utilizzata dai russi su concessione di Teheran il 16 agosto 2016 come base d’appoggio ai Tupolev Tu-22M3 e ai Sukhoi Su-34 per gli attacchi nel nord della Siria.

Nessun commento è filtrato dal Ministero della Difesa russa e tra le ipotesi vi sono il ritorno in Siria di MiG-29 appartenenti all’Aeronautica Militare di Damasco sottoposti a riparazione e ammodernamento in Russia, un rafforzamento del contingente aereo della Forza Aerospaziale russa in Siria e infine dopo uno scalo tecnico in Siria per supportare le forze del Generale Khalifa Haftar.

9-Mig-29CMT

Sui velivoli russi giunti in Libia non vi sono informazioni confermate: Si tratterebbe di 6 Mig 29 e 2 Sukhoi Su-24 a cui si aggiungerebbero secondo alcune ipotesi 2 Sukhoi Su-35, mentre il comando USA per l’Africa (AFRICOM) riferisce di ben 14 velivoli schierati da Mosca nella base libica di al-Jufra.

Secondo quanto riferito da Africom, in una nota su Twitter, diversi caccia MiG 29 e Su-24 hanno lasciato la Russia “nel corso di piu’ giorni” nel mese di maggio. “Tutti gli aeromobili erano contrassegnati con lo stemma dell’aeronautica della Federazione Russa. Dopo essere atterrati alla base aerea di Hmeimin in Siria, i MiG 29 sono stati riverniciati senza insegne”, aggiunge il comando del Pentagono per l’Africa.

7-Mig-29M_M2

I velivoli sono stati “pilotati da militari russi e scortati in Libia da caccia russi basati in Siria, atterrando nella Libia orientale vicino a Tobruk per fare rifornimento. Almeno 14 velivoli russi non contrassegnati sono stati quindi consegnati alla base aerea di Al Jufra in Libia”, conclude Africom, pubblicando al riguardo un’immagine satellitare datata 21 maggio.

Foto: Mig e Twitter

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password