Negli USA una legge per ammodernare i cantieri navali militari pubblici e privati

fincantieri-marinette-marine_1

 

Un gruppo bipartisan di senatori statunitensi, sostenuto da due membri repubblicani della Camera dei rappresentanti, propone una legge per investire 25 miliardi di dollari per migliorare le infrastrutture dei cantieri navali che realizzano navi per la Marina degli Stati Uniti. La legge proposta si pone l’obiettivo di migliorare e ammodernare le dotazioni tecnologiche sia dei cantieri di proprietà della US Navy sia dei cantieri provati fornitori della Marina.

“L’importanza delle nostre risorse navali per la sicurezza nazionale e stabilità globale non è mai stata così grande, motivo per cui è così fondamentale che la nostra base industriale della difesa abbia la capacità di costruire e mantenere una flotta più grande”, ha affermato la senatrice Susan Collins, una delle i cinque firmatari della proposta di legge citata dal   The Maritime Executive.

333

“Se vogliamo seriamente che gli Stati Uniti competano e dissuadano la Cina, dobbiamo considerare la nostra infrastruttura di difesa vitale. La nostra legislazione bipartisan sosterrebbe i miglioramenti delle infrastrutture nei cantieri navali di tutto il paese per aiutare a ridurre le carenze di manutenzione, aumentare la sicurezza e l’efficienza e favorire la crescita per contrastare le crescenti ambizioni navali della Cina”.

Il Congresso ha già compiuto l’importante passo di impegnarsi in una Marina più grande, ma i nostri cantieri stanno avendo problemi a servire l’odierna flotta di 296 navi e sono chiaramente insufficienti per mantenere la flotta di 355 navi o più grande di cui abbiamo bisogno per contrastare Cina, Russia e altri avversari» ha dichiarato il senatore Roger Wicker, firmatario dell’iniziativa di legge.

La Corte dei Conti di Washington, cioè il Government Accountability Office in un recente rapporto ha valutato che la disponibilità di unità navali della Marina è diminuita dal 2017 indicando tra le cause “la capacità di manutenzione limitata nei cantieri navali privati e pubblici come la sfida principale per il recupero e l’efficienza di navi e sottomarini.”

1111

Tra i problemi segnalati dall’US Navy spiccano le “infrastrutture obsolete” nei quattro cantieri navali pubblici, che includono Norfolk in Virginia, Portsmouth nel Maine, Pearl Harbor nelle Hawaii e Puget Sound a Washington.

I rapporti hanno citato una capacità e configurazioni delle infrastrutture insufficienti e attrezzature obsolete come fattori che contribuiscono a ritardi e arretrati di manutenzione esorbitanti. Nel 2020, il GAO ha riferito che tre quarti dei lavori di manutenzione programmati tra il 2015 e il 2019 per portaerei e sottomarini sono stati completati con ritardi per oltre 7.400 giorni.

La Marina ha specificamente identificato una grave mancanza di capacità di bacino di carenaggio nei quattro cantieri navali pubblici. Ad esempio, mentre 17 bacini di carenaggio possono servire i vecchi sottomarini di classe Los Angeles, sono solo 12 i quelli che possono ospitare i loro sostituti della classe Virginia, e solo 7 saranno utilizzabili dall’ultima versione Block V dei Virginia, con 2400 tonnellate e 25 metri di lunghezza in più rispetto alle unità dei Block I-IV.

“La Marina degli Stati Uniti dipende da quattro cantieri navali pubblici americani per mantenere e modernizzare i nostri sottomarini e portaerei a propulsione nucleare”, ha affermato Rob Wittman, deputato della Virginia. “Ma l’infrastruttura obsoleta dei nostri cantieri navali non riesce a fornire la capacità, le configurazioni o le attrezzature necessarie per mantenere la flotta pronta. Questi fattori non solo hanno portato a un arretrato di manutenzione tra le nostre navi attuali, ma ci hanno lasciato impreparati a far crescere la nostra Marina per stare al passo con la Cina».

fincantieri-marinette-marine

La proposta di legge nota come Shipyard Act (Supplying Help to Infrastructure in Ports, Yards, and America’s Repair Docks) prevede lo stanziamento di un totale di 25 miliardi di dollari ai sensi del Defense Production Act, di cui 21 miliardi di dollari per i cantieri navali pubblici della Marina e 2 miliardi di dollari per i principali cantieri privati che producono navi per la Marina e 2 miliardi di dollari per i cantieri privati che riparano le unità militari.

I cantieri privati includono Ingalls Shipbuilding, Austal USA, Newport News Shipbuilding, Electric Boat, NASSCO General Dynamics, Bath Iron Works e Fincantieri Marinette Marine (nelle foto sopra e in apertura) che realizza le fregate LCS classe Freedom e le FREMM classe Constellation, insieme a circa 20 importanti cantieri di riparazione. Anche i cantieri navali privati più piccoli coinvolti nella costruzione e riparazione di navi militari insieme a fornitori e subappaltatori potrebbero beneficiare di finanziamenti.

La tempistica dell’iniziativa è destinata a collegarsi al dibattito più ampio al Congresso circa il vasto piano per il rinnovo infrastrutturale degli Stati Uniti.

2222

Lo Shipyard Act prevede, ai sensi del Defense Production Act, di consentire al Segretario della Marina di accelerare l’aggiudicazione dei contratti finanziando rapidamente miglioramenti alle infrastrutture dei cantieri navali, la costruzione di nuovi bacini di carenaggio e altri elementi per consentire a questi cantieri di stare al passo con le esigenze attuali e future della Marina. La nuova legge incorporerebbe, velocizzandone l’applicazione, il programma ventennale di ammodernamento dei quattro cantieri navali della Marina che prevede investimenti per 21 miliardi di dollari.

Firmatari della nuova legge, che trova ampi consensi tra i congressisti eletti nei distretti dove sono presenti cantieri navali, sono i senatori Roger Wicker, Tim Kaine, Susan Collins, Angus King, e Jeanne Shaheen, insieme ai deputati Rob Wittman e Mike Gallagher.

(con fonte Maritime Executive)

Foto Fincantieri e Us Navy

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password