Raytheon e US Army testano il Coyote Block 3 contro uno sciame di droni

000

 

 

Con un comunicato diramato il 21 luglio scorso, Raytheon Missiles & Defense ha annunciato un’importante pietra miliare nel campo dei sistemi di difesa anti-drone e anti-sciame di droni. Una unità dell’Integrated Fires and Rapid Capabilities Office (IF/RCO), agenzia dell’US Army, ha eseguito con successo un test con la versione Block 3 dell’UAS Coyote.

Grazie ad un apparato di guerra elettronica (EW) o ad un’arma ad energia diretta non meglio specificata, il piccolo sistema d’arma guidato ha abbattuto uno sciame di dieci droni ostili.

Rispetto ai droni armati con munizioni tradizionali, i sistemi a controllo remoto che trasportano soluzioni anti-UAS non cinetiche hanno due vantaggi: in primo luogo, anziché essere distrutti dall’esplosivo che li arma, possono essere riutilizzati e in secondo luogo, alcune di queste soluzioni non cinetiche possono ingaggiare più bersagli senza bisogno di essere riarmate.

Per il test, condotto all’interno del poligono di Yuma Proving Ground, in Arizona, potrebbe essere stata usata una tecnologia a jamming attivo o una forma di energia diretta come le radiazioni elettromagnetiche e microonde ad alta potenza (HPM).

I dieci droni abbattuti senza l’uso di proiettili di alcun tipo,  differivano tra loro per dimensioni, complessità, manovrabilità e portata.

Tom Laliberty, vicepresidente della divisione Land Warfare & Air Defense presso Raytheon, ha affermato che “questo test dimostra l’efficacia di Coyote nel contrastare complessi sistemi aerei senza pilota”.

I recenti test a Yuma hanno anche messo in luce altre qualità del sistema, quali l’alto livello di sopravvivenza, la possibilità di recupero e riutilizzo, l’integrazione con i lanciatori utilizzati per il Coyote Block 2, la disponibilità di un radar a 360 gradi per il rilevamento di minacce a corto raggio come droni, razzi o colpi di mortaio, e la possibilità di eseguire missioni a lungo raggio, utilizzando il sistema di radiofrequenza.

Nel marzo 2021 il Pentagono ha rilasciato alcuni dettagli sul Coyote Block 3, definendolo un UAS che potrebbe diventare “la base per numerose attività e per futuri programmi della Marina, dell’Aeronautica e dell’Esercito”.

Nonostante la mancanza di dettagli, l’enorme numero di sistemi testati sul Coyote dimostra come il drone di Raytheon sia considerato, tra i prodotti a basso costo lanciabili da tubo, un punto di riferimento per i test che implicano i concetti di sistemi anti-drone (C-UAS) e di sciame (C-swarm).

Il settore, di particolare interesse per il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoD), chiama in causa anche DARPA, l’agenzia governativa incaricata dello sviluppo di nuove tecnologie militari che sta studiando un prototipo di sistema HPM anti-drone realizzato da Lockheed Martin.

Il MORFIUS, questo il nome del progetto, è un C-UAS/C-swarm costruito intorno alla cellula del ALTIUS-600 disegnato da Area-I, un drone MDO (Multi Domain Operations) lanciabile da piattaforme terrestri, aeree e navali, che gli specialisti hanno adattato nell’avionica e nel software al sistema HPM di Lockheed Martin. (IT Log Defence)

Foto Raytheon

 

 

Eugenio Roscini VitaliVedi tutti gli articoli

Colonnello dell'Aeronautica Militare in congedo, ha conseguito un master di specializzazione in analisi di sistema e procedure all'Istituto Superiore di Telecomunicazioni. In ambito internazionale ha prestato servizio presso il Comando Forze Terrestri Alleate del Sud Europa, la 5^ Forza Aerea Tattica Alleata e il Comando NATO di AFSOUTH. Tra il 1995 e il 2003 ha preso parte alle Operazioni NATO nei Balcani (IFOR/SFOR/KFOR). Gestisce il sito ITlogDefence.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password