Leonardo si aggiudica la gara per il nuovo elicottero d’addestramento TH-73A della US Navy

avfoil_news_leonardo_haix-l1

Importante successo del gruppo Leonardo negli Stati Uniti. Attraverso la controllata americana AgustaWestland Philadelphia Corporation, il gruppo Leonardo è stato prescelto per la fornitura del nuovo elicottero per l’addestramento TH-73A destinato alla US Navy. La notizia è stata data inizialmente dal Dipartimento della Difesa ieri sera tardi con il consueto annuncio giornaliero dei contratti e successivamente dalla US Navy.

Quest’ultima, con un comunicato emesso dall’US Naval Air Systems Command, ha annunciato di aver assegnato alla controllata del gruppo Leonardo un contratto del valore di 176,5 milioni di dollari per la produzione e la consegna di 32 elicotteri TH-73A in supporto del programma Advanced Helicopter Training System (AHTS). In aggiunta al primo lotto di 32 macchine, Leonardo fornirà anche un pacchetto iniziale di parti di ricambio, supporto ed equipaggiamento dedicato oltre a servizi di addestramento per piloti e tecnici addetti alla manutenzione.

 

“La giornata odierna rappresenta un importante successo di squadra (nel programma) per l’acquisizione e la fornitura di un elicottero d’addestramento per la prossima generazione di piloti di elicotteri e convertiplani della Marina, del Corpo dei Marines e della Guardia costiera”, ha dichiarato James F. Geurts, assistente segretario della Marina per la ricerca, sviluppo e acquisizione. “Sono orgoglioso del lavoro ‘aggressivo’ che il team ha svolto per sfruttare la base industriale commerciale al fine di garantire questa capacità ai combattenti e alla nostra nazione, al miglior valore per il contribuente. Questo sforzo è fondamentale per garantire la prontezza dei nostri aviatori navali per i decenni a venire. ”

Leonardo-TH119-primo-volo

La proposta di Leonardo ha avuto la meglio contro altre quattro, fra cui quelle di spessore e rispetto rispettivamente presentate dalla Bell Textron e da Airbus Helicopters. Secondo quanto dichiarato dalla US Navy.

Il nuovo contratto a prezzo fisso per i nuovi elicotteri TH-73A è stato aggiudicato sulla base del rapporto qualità-prezzo più conveniente, con un contratto base iniziale e tre opzionali annuali.

Il contratto base iniziale ha un valore di 176,5 milioni di dollari per 32 aeromobili da consegnarsi entro l’ottobre 2021, mentre il valore totale del contratto è pari a 648,1 milioni di dollari per l’acquisto di 130 aeromobili. Le consegne degli elicotteri è previsto inizino nel 2020 e continuare fino al 2024. L’assegnazione del contratto, ha rimarcato la US Navy, è il culmine di un processo selettivo dei gruppi concorrenti, supportato dal personale del Naval Air Systems Command (NAVAIR) e dal responsabile della formazione aerea navale (CNATRA) della Forza Armata.

https___s3-us-west-2.amazonaws.com_the-drive-cms-content-staging_message-editor2F1578965890905-2

“Con una presenza quasi quarantennale a Philadelphia, siamo orgogliosi di esser stati scelti dalla U.S. Navy come suo nuovo partner in questo programma con il nostro elicottero TH-119. Siamo fieri di poter dare un contributo importante al futuro della difesa degli Stati Uniti” ha dichiarato Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo.

“La notizia di oggi è una chiara conferma della nostra capacità di offrire soluzioni in grado di definire nuovi standard per l’addestramento. Siamo pronti a lavorare con la U.S. Navy per garantire che i futuri piloti vengano formati al meglio per soddisfare tutti i futuri requisiti operativi”, gli ha eco Gian Piero Cutillo, Managing Director Leonardo Helicopters.

Il nuovo elicottero soddisferà, secondo quanto dichiarato dalla US Navy, i requisiti per l’addestramento avanzato ed intermedio rispettivamente dei piloti di piattaforma ad ala rotante e di convertiplano della Marina, del Corpo dei Marines e della Guardia Costiera fino al 2050. Il nuovo TH-73A sarà prodotto da Leonardo negli Stati Uniti con l’assemblaggio che si svolgerà, attraverso la certificazione fornita dalla FAA americana, nello stabilimento dedicato della società controllata AgustaWestland Philadelphia Corporation a Philadelphia, in Pennsylvania.

https___api.thedrive.com_wp-content_uploads_2020_01_th-73a-top

“I nuovi elicotteri Leonardo TH-73A sono l’elemento centrale del programma AHTS, che è la sostituzione prevista per soddisfare le esigenze e colmare le lacune capacitive dell’attuale vecchia piattaforma addestrativa ad ala rotante TH-57 Sea Ranger”, ha affermato il capitano Todd St. Laurent, responsabile del programma Flight Training Systems (PMA-273) dell’US Navy, che sovraintende al programma ATHS.

“Il TH-73A fornirà una moderna piattaforma dedicata che soddisferà i requisiti di addestramento per l’ala rotante e convertiplano nel prossimo futuro. Questi nuovi elicotteri assicureranno che la Marina abbia la capacità di addestrare diverse centinaia di studenti all’anno presso la base (NAS, Naval Air Station) di Whiting Field a Milton, in Florida”, ha aggiunto il capitano St. Laurent.

“Il nostro obiettivo è stato fin dall’inizio quello di offrire alla U.S. Navy le capacità di addestramento richieste, senza alcun compromesso rispetto all’aspettativa del cliente. Siamo onorati di poter dar seguito a tale promessa, di poter costruire la nuova flotta di elicotteri a Philadelphia e di supportarla con i nostri servizi di manutenzione da Milton in Florida”, ha dichiarato William Hunt, Managing Director Leonardo Helicopters Philadelphia.

 

Nato a Genova nel 1966 e laureato in giurisprudenza, è corrispondente per l'Italia e collaboratore delle riviste internazionali nel settore della difesa del gruppo inglese IHS Markit (Jane's Navy International e Jane's International Defence Review) e della casa editrice tedesca Mittler Report Verlag (European Security & Defense e pubblicazioni collegate) nonché delle riviste di settore Armada International, European Defence Review e The Journal of Electronic Defense. In Italia collabora anche con Rivista Marittima, Aeronautica & Difesa e la testata online dedicate al settore marittimo ed economico The MediTelegraph (Secolo XIX).

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password