Mosca propone alla Malaysia la permuta dei caccia Sukhoi e Mig

3_Su30mkm_WIKI (002)

La Malaysia ha ricevuto da Mosca un’offerta relativa alla sostituzione della propria flotta di aerei da combattimento di fabbricazione russa con nuovi modelli MiG e Sukhoi. Lo ha riferito il mese scorso al parlamento locale il ministro della Difesa Mohamad bin Sabu.

Sabu, pur specificando che le priorità della Royal Malaysian Air Force (RMAF) sono quelle di dotarsi di velivoli per il pattugliamento e la sorveglianza marittima (MPA), di UAV del segmento MALE (media altitudine e lunga autonomia) e di nuovi addestratori idonei anche a missioni di attacco leggero, ha confermato che il governo starebbe valutando attentamente l’offerta russa.

Le valutazioni fornite dai vertici militari malesi sembravano indicare uno stop agli acquisti di nuovi aerei da combattimento almeno fino al 2030.

La RMAF attualmente gestisce una forza da combattimento composta da 18 caccia Sukhoi Su-30MKM consegnati tra il 2007 e il 2009 e una decina di MiG-29N (che secondo alcune fonti sarebbero stati ritirati dal servizio in attesa di manutenzione) e 8 Boeing F/A-18D acquisiti alla fine degli anni ’90.

L’operazione proposta da Mosca – ha rivelato Sabu – consisterebbe nel ritirare la trentina di Mig e Sukhoi malesi sostituendoli con nuovi modelli di Sukhoi Su-35 e/o MiG-35 con possibilità di pagamento sensibilmente ridotto grazie alla permuta e con ulteriori eventuali compensazioni dei pagamenti sotto firma di forniture di olio di palma.

I vecchi velivoli malesi presi in carico da Mosca verrebbero opportunamente ricondizionati e rimessi in vendita quasi certamente nel continente africano o latinoamericano.

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978 e laureato all'Università di Parma in Scienze della Comunicazione, ha collaborato dal 1998 con Rivista Aeronautica e occasionalmente con JP4 e Aerei nella Storia. Dal 2003 collabora con Analisi Difesa occupandosi di aeronautica e industria aerospaziale. Nel 2013 è ospite dell'Istituto Italiano di Cultura a Mosca per discutere la propria tesi di laurea dedicata a Roberto Bartini e per argomentare il libro di Giuseppe Ciampaglia che dalla stessa tesi trae numerosi spunti. Dall'aprile 2016 cura il canale Telegram "Aviazione russa - Analisi Difesa" integrando le notizie del sito con informazioni esclusive e contenuti extra provenienti dalla Russia e da altri paesi.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password