Ufficiale francese assegnato alla Nato in Italia spiava a favore di Mosca

773x435_cmsv2_c98cb4f6-596f-5c75-abf4-c0fed93c9acc-4923272

Un tenente colonnello di stanza nel quartier generale della NATO per il Sud Europa di Napoli è accusato di spionaggio e alto tradimento per aver fornito documenti sensibili ai servizi segreti russi. Lo ha rivelato Europe 1, spiegando che l’ufficiale è stato arrestato dalla Direzione generale della sicurezza interna (DGSI, i servizi di sicurezza interna francesi), mentre era in procinto di rientrare in Italia al termine delle vacanze ed è stato trasferito al carcere La Santé a Parigi.

Il caso, che risale a una decina di giorni fa, è stato confermato dalla ministra della Difesa Florence Parly (nella foto in visita alle truppe dell’Operazione Barkhane nel Sahel) a Europe 1: “Posso confermare che un alto ufficiale è sottoposto a procedimento giudiziario per attentato alla sicurezza”.

L’ufficiale, che parla russo, sarebbe stato visto in più occasioni a Napoli in compagnia di un agente russo del GRU (i servizi segreti militari) a cui avrebbe fornito informazioni riservatissime. Il tenente colonnello francese, un uomo sulla cinquantina di cui non è stata resa nota l’identità ma che safebbe padre di cinque figli.

“Il ministero delle Forze armate ha preso l’iniziativa – ha spiegato il ministro Parly – di investire del caso il procuratore della Repubblica invocando l’articolo 40 del Codice di procedura penale”. Un articolo in cui si prevede che qualsiasi funzionario o militare venga a conoscenza di un reato ne informi immediatamente l’autorità giudiziaria. Immediatamente, la procura di Parigi ha aperto l’inchiesta e la DGSI, i servizi per la sicurezza interna, hanno arrestato – una decina di giorni fa – il militare sospetto.

Nei confronti della presunta spia francese pendono 4 capi d’accusa, il più grave dei quali la “fornitura di informazioni a una potenza straniera” che comporta una condanna a 15 anni di carcere. Non è stata resa nota la natura delle informazioni passate a Mosca né da quanto tempo o per quali ragioni l’ufficiale transalpino abbia tradito.

I casi di spionaggio di ufficiali francesi a favore della Russia o prima dell’URSS non sono stati più di una decina (almeno quelli resi noti) ma lo scorso luglio due ex agenti francesi sono stati condannati per tradimento a favore della Cina. Nel 2001, un ufficiale francese distaccato presso la NATO fu condannato per aver fornito informazioni alla Serbia sui raid aerei alleati durante la guerra del Kosovo.

 

What do you want to do ?

New mail

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password