Gli USA rinnovano l’addestramento alle forze speciali del Mozambico

JCET_Mozambique_US_Embassy

 

 

Gli Stati Uniti e il Mozambico hanno lanciato un secondo programma militare di addestramento, il Joint Combined Exchange Training (JCET), che vedrà le forze speciali statunitensi addestrarsi con oltre 100 commando e ranger mozambicani per migliorarne le capacità sul campo di battaglia.

L’ambasciata degli Stati Uniti in Mozambico ha dichiarato che il programma JCET è stato lanciato il 9 agosto e segue il primo programma JCET varato il 15 marzo di quest’anno che ha visto il personale militare statunitense addestrare i marines mozambicani che si è concluso a maggio ed è stato seguito da corsi di addestramento per l’intervento medico sui feriti in combattimento e l’evacuazione sanitaria nel giugno 2021.

“Oltre al rafforzamento delle capacità, l’esercitazione JCET del Dipartimento della Difesa rafforzerà le crescenti relazioni tra gli Stati Uniti d’America e la Repubblica del Mozambico. Il governo degli Stati Uniti fornirà anche attrezzature mediche e di comunicazione a quelle unità addestrate”, ha reso noto l’ambasciata degli Stati Uniti.

“Questo programma di formazione è raddoppiato in soli quattro mesi, prova che gli Stati Uniti sono impegnati nello sviluppo di capacità all’interno delle forze armate del Mozambico”, ha affermato l’ambasciatore statunitense in Mozambico Dennis W. Hearne. “In tutta la nostra assistenza alla sicurezza, gli Stati Uniti danno priorità al rispetto dei diritti umani e alla protezione dei civili”, ha affermato l’ambasciatore.

Gli Stati Uniti sono un donatore bilaterale per il Mozambico, fornendo più di 500 milioni di dollari di assistenza annuale per migliorare la qualità dell’assistenza sanitaria e dell’istruzione, promuovere la prosperità e la sicurezza economica, assistere l’adattamento climatico e la protezione ambientale e sostenere lo sviluppo generale di questa nazione.

“Gli Stati Uniti si sono impegnati a interrompere i metodi di finanziamento di ISIS-Mozambico, JNIM (Jama’at Nasr al-Islam wal Muslimin) e al-Shabaab, tutti designati come organizzazioni terroristiche straniere e SDGT (Specially Designated Global Terrorists) — limitare le loro capacità di condurre ulteriori attacchi contro i civili e sostenere i nostri partner negli sforzi per smantellare il finanziamento del terrorismo.

Affrontare la minaccia terroristica in tutto il continente richiederà una stretta collaborazione con i nostri partner per degradare la capacità e le operazioni di questi gruppi terroristici, combattendo il loro controllo e la loro influenza in Africa occidentale, orientale e meridionale”, ha affermato a inizio agosto il segretario di Stato, Antony Blinken.

Gli Stati Uniti non sono l’unico paese che aiuta ad addestrare l’esercito del Mozambico. Lo Zimbabwe ha recentemente annunciato l’invio di truppe di addestramento e, a metà luglio, l’Unione europea ha dichiarato che istituirà una missione di addestramento militare in Mozambico per aiutare il governo a contrastare l’insurrezione e proteggere i civili.

Il Portogallo ha già inviato 60 soldati nella sua ex colonia a maggio per gestire un programma quadrimestrale di addestramento delle truppe per contrastare l’insurrezione, condividere l’intelligence e utilizzare i droni per tracciare i movimenti dei militanti.

Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha affermato che entro la fine dell’anno potrebbero essere dispiegati in Mozambico 200-300 persone.

Nei combattimenti l’esercito mozambicano è affiancato da mille militari ruandesi e da una missione composta da soldati di Sud Africa, di Botswana e Angola.

(con fonte Defence Web)

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password