Germania, Grecia e Repubblica Ceca: il trionfo dell’F-35 in Europa

Greece_0722

 

 

L’F-35 continua a raccogliere successi in Europa. Il Dipartimento di Stato americano ha approvato ieri la vendita di 35 F-35A alla Germania per un costo di 8,4 miliardi di dollari che include munizioni, logistica e apparecchiature.

Il velivolo di Lockheed Martin entrerà in servizio nella Luftwaffe nel 2030 rimpiazzando nei compiti di deterrenza nucleare la flotta di velivoli Tornado del Tactical Air Wing 33 a Büchel.

Oltre a Lockheed Martin la commessa tedesca coinvolge Pratt & Whitney, che fornisce 37 motori F135, oltre a Boeing e Raytheon Technologies per le armi imbarcate che includono missili aria-aria avanzati a medio raggio AIM120C-8 (AMRAAM), bombe di piccolo diametro GBU-53, missili AGM-158 Joint Air-Surface Standoff Missiles-Extended Range (JASSM-ER), Kit per le bombe Joint Direct Attack Munition (JDAM) e missili aria-aria AIM-9X Sidewinder.

La Grecia ha inviato a fine giugno la richiesta ufficiale agli Stati Uniti per l’acquisto di 20 caccia F-35 di fabbricazione Lockheed Martin e il primo ministro, Kyriakos Mitsotakis, ha affermato che Atene sta esaminando l’acquisto di un secondo gruppo di jet.

“La nostra intenzione è acquisire uno squadrone F-35A con una possibile opzione per un secondo. L’invio di una lettera di richiesta (LoR) avvenuta negli ultimi giorni fa parte di questo processo”, ha detto Mitsotakis ai giornalisti dopo il vertice della NATO a Madrid.

L’invio di una richiesta è il primo passo di un processo in più fasi, ha affermato Mitsotakis, aggiungendo che il governo prevede che le consegne dei jet inizieranno nel 2027-2028.

“È un processo lungo e lo dico perché significa che abbiamo lo spazio fiscale che ci consente di fare un acquisto del genere”, ha affermato il premier conservatore, che dovrà affrontare le elezioni nel 2023 e che considera il velivolo “stealth” di 5a generazione uno strumento di deterrenza nel confronto con la Turchia a Cipro e nell’Egeo.

Lot15_17_3

L’anno scorso Atene ha ordinato 24 jet Rafale di Dassault per 2,5 miliardi di euro (2,60 miliardi di dollari) e tre fregate con un’opzione per una quarta alla Francia per circa 3 miliardi di euro. Il ministero della Difesa ellenico intende inoltre procedere con l’aggiornamento di 38 caccia F-16 allo standard F-16V Viper.

Anche il governo della Repubblica Ceca sembra interessato ad acquisire alcuni F-35A, forse una conseguenza della guerra in atto in Ucraina.  Il 20 luglio Praga ha concordato di aprire i colloqui con gli Stati Uniti sulla fornitura dei caccia F-35A Lightning II realizzati dalla Lockheed Martin Corp per sostituire i caccia JAS 39 Gripen presi in leasing dalla svedese Saab AB. Lo ha affermato il primo ministro Petr Fiala.

“Si tratta di decisioni importanti in un momento in cui la sicurezza dell’Europa e della Repubblica Ceca deve affrontare nuove sfide causate dall’aggressione russa in Ucraina”. Il ministro della Difesa, Jana Cernochova, ha affermato che il paese vuole 24 F-35A e che i colloqui dovrebbero concludersi entro ottobre del prossimo anno.

La Repubblica Ceca ha ora in dotazione 14 JAS-39 Gripen di fabbricazione svedese con un contratto di leasing fino al 2027. Lockheed Martin ha dichiarato a giugno che potrebbe consegnare i primi jet da combattimento F-35A alla Germania nel 2026.

Il governo ceco ha anche annullato una lunga gara da 2,6 miliardi di dollari per circa 210 veicoli da combattimento cingolati che includevano BAE Systems, General Dynamics e Rheinmetall.

Acquisirà invece con ogni probabilità in Svezia da BAE Systems Hägglunds i veicoli da combattimento CV90 MkIV, ha detto il ministro Cernochova.

Foto Lockheed Martin

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password