Altri dettagli sulle esplosioni nella base aerea russa in Crimea

download

 

 

Dopo l’articolo del 13 agosto “I misteri degli attacchi alle basi aeree russe in Crimea e Bielorussia” pubblichiamo altre valutazioni sui danni subiti dalla base e dai velivoli russi estrapolati anche dalle immagini della compagnia privata statunitense di rilevazioni satellitari Planet Lab, che dispone di oltre 250 satelliti.

Le immagini satellitari mostrano l’aeroporto dopo l’incidente (o l’attacco) alla base di Novofedorivka avvenuto nel pomeriggio del 9 agosto. Dall’analisi delle foto ci consente di trarre alcune indicazioni.

Innanzitutto su uno dei parcheggi sono visibili i relitti di 4 bombardieri Su-24M e 4 nuovi caccia multiruolo Su-30SM.

-5452006184346303967_121 (002)

Secondo alcuni rapporti alcuni di questi vecchi Su-24 non volavano più ed erano pronti per essere demoliti a differenza dei moderni Su-30SM tutti operativi.

In un’altra area di sosta per velivoli sono visibili i relitti di altri 3 bombardieri Su-24M. Non ci sono tracce dei 3 Su-30SM nelle vicinanze prima dell’esplosione che molto probabilmente sono stati trainati via prima di venire coivolti nell’incendio e nelle esplosioni.

Non ci sono immagini di danni in altre parti dell’aerodromo. Anche la pista sembra intatta, così come gli aerei parcheggiati in altre parti della base aerea.

-5452006184346303966_121 (002)

Tali indicazioni potrebbero alimentare l’ipotesi che non tutti i velivoli russi distrutti  fossero operativi e quindi sostenere la tesi russa di un incidente dovuto a negligenza del personale che si occupava degli ordigni esplosivi dal momento che un attacco ucraino avrebbe certamente preso di mira il deposito di munizioni ma anche i velivoli da combattimento più moderni e in servizio attivo.

-5452006184346303968_121 (002)

E’ molto  probabile che un attacco missilistico avrebbe cercato di colpire tutte le aree di sosta utilizzate dai velivoli dell’Aviazione di Marina russa e di mettere fuori uso, almeno per qualche tempo, la pista di volo.

Obiettivi che anche un’incursione di forze speciali nell’aeroporto russo o di un team di sabotatori avrebbero forse cercato di conseguire. Tutte le opzioni restano aperte e il mistero resta irrisolto.

 

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password