PRONI A TUTTO

Pinotti

Le truppe italiane resteranno in Afghanistan, Libano, Balcani e in un’altra dozzina di Paesi, vanno in Repubblica Centrafricana e il governo vorrebbe mandarli pure in Ucraina. Ma non c’erano i tagli alla Difesa, i bilanci militari da ridurre, gli organici da sfoltire, i jet da dimezzare? Una priorità talmente prioritaria che a quanto pare sulla riduzione  degli F-35 stanno litigando in queste ore governo e PD, che molti pensavano fossero la stessa cosa. In attesa che a fine anno il mitico e misterioso Libro Bianco (chi lo redigerà?) ci dica cosa serve davvero alla nostra Difesa l’ipotesi che sembra farsi largo è che il governo possa procedere a un “mezzo annuncio” di tagli al programma del jet americano, utile al PD a guadagnare (o non perdere) voti alle prossime elezioni europee e amministrative che  assumono però un ampio valore politico nazionale. Un annuncio scritto con parole misurate che consentano eventualmente di tornare indietro se il Libro Bianco dirà che ci servono assolutamente 90 F-35 o se Washington dovesse arrabbiarsi troppo considerato che, come ha ammesso il generale Christopher Bogdan che guida il programma Joint Strike Fighter, ogni riduzione dei jet venduti all’estero obbliga il contribuente americano a pagare i suoi f-35 il 3% in più.

A Roma l’incertezza sembra regnare sovrana ma la pressione della spending review sui bilanci militari pare così forte che il Ministero della Difesa non ci ha ancora detto cosa compreremo con i pochi fondi di quest’anno anche se già sappiamo che gli ultimi tagli colpiscono non solo gli investimenti ma anche l’esercizio, cioè le voce di spesa che finanzia addestramento, manutenzioni e infrastrutture e che da anni è ai minimi termini. Già ora mancano carburante e ricambi mentre molti reggimenti effettuano solo addestramento fisico, zaino in spalla e marciare, per mancanza di fondi per addestramenti più specialistici. Molti reparti sembrano tornati ai tempi della naja, mancano le munizioni e quelle disponibili sono assegnate per lo più ai contingenti oltremare che potrebbero averne davvero bisogno. In questo quadro apocalittico il governo ha però trovato 5 milioni di euro da buttare al vento per inviare fino a dicembre 50 genieri con ruspe e mezzi tecnici in Repubblica Centrafricana a dare una mano ai francesi nell’ambito di una missione Ue anche se Parigi e Bruxelles ben si guardano dal darci una mano a gestire l’emergenza immigrati e la questione libica.

Non c’è una lira ma spendiamo soldi per missioni che nulla hanno a che fare con gli interessi nazionali. Non potevamo tirarci indietro, ha detto il Ministro della Difesa, Roberta Pinotti “per un imperativo di natura morale”.  Considerato che “l’Italia propugna un ruolo sempre più forte dell’Europa in termini di difesa comune, sarebbe incomprensibile non partecipare a questa missione europea”.
Del resto, anche dove gli interessi nazionali sono in ballo, Roma è riuscita a impiegare al peggio le forze armate e i soldi dei contribuenti  spalancando i confini nazionali non a chiunque ne abbia necessità ma solo a chi paga le organizzazioni criminali per oltrepassarli. Niente male quanto a “imperativi morali” e un bel salto di qualità rispetto a quando i militari difendevano i “sacri” confini della Patria. Una considerazione ancor più amara nella ricorrenza dei 100 anni dall’inizio della Grande Guerra.

Invece di difendere confini e interessi nazionali Roma butta soldi e truppe  per favorire la UE, la Francia o gli Stati Uniti ai quali abbiamo garantito che nei prossimi tre anni manterremo quasi mille uomini in Afghanistan. Nonostante l’austerity il governo Renzi è persino pronto a inviare truppe italiane in Ucraina. La notizia shock l’ha resa nota il ministro Pinotti in un’intervista a Repubblica. “Se dovesse servire l’Italia è disponibile anche ad inviare un contingente di peacekeeper” ha detto il ministro forse dimenticando il miliardo di euro di tagli annui (per almeno tre anni) cui verrà sottoposta la Difesa. Il governo taglierà mezzi e manterrà ancora a lungo il blocco degli stipendi a militari e altri dipendenti pubblici ma troverà i soldi per mandare un nuovo ARMIR in Ucraina? A fare cosa? Come ha ammesso la stessa Pinotti “nessuno ha avanzato questa richiesta ma se dovesse servire dobbiamo essere disponibili anche a questo”. Difficile interpretare il senso di queste dichiarazioni sia perché non ci sono iniziative per l’invio di caschi blu in Ucraina sia perché nessuno dei contendenti ha chiesto un intervento militare internazionale. E anche se ci fosse sarebbe consigliabile che una forza d’interposizione in Ucraina non fosse composta da militari russi o della Nato perché fin troppo schierati dall’una o dall’altra parte.  “Non e’ prevista alcuna ipotesi di missione di peacekeeping sotto egida Onu” in Ucraina ha detto oggi il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, in un ‘question time’ alla Camera, aggiungendo che “tantomeno sono in discussione iniziative della Nato in questo senso: nessun tipo di operazione di questo genere e’ in discussione a livello internazionale”.

Solitamente quando prende il via una missione militare internazionale ogni singolo Stato valuta il contesto geopolitico in cui questa missione si inserisce, il mandato politico dell’organismo internazionale che la guida e gli interessi nazionali in gioco prima di aderirvi. Questo ovviamente vale per i Paesi che hanno una politica estera. Non è il caso dell’Italia le cui leadership in 20 anni sono passate dal considerare i militari uno degli strumenti della politica estera a ritenere che inviare contingenti militari qua e là costituisca un’alternativa all’avere una politica estera. Che non abbiamo, come dimostra in questi giorni, proprio sulla crisi ucraina, l’assoluta indifferenza dei nostri “alleati” nei confronti degli interessi economici e commerciali italiani in Russia. Il sottosegretario al Tesoro statunitense David Cohen sta cercando di convincere gli europei ad aderire a più dure sanzioni nei confronti della Russia e per riuscirvi va in visita a Londra, Parigi e Berlino ma ignora Roma. Eppure l’Italia è il secondo partner commerciale di Mosca e per noi la Russia è il quinto partner con un export di made in Italy di quasi 15 miliardi euro l’anno scorso. Forse il parere dell’Italia dovrebbe avere un certo peso, proporzionale ai nostri interessi in gioco ma ai nostri “alleati” non sembra interessare, consapevoli come sono che obbediremo comunque agli ordini che vorranno darci. Come sempre rapidissimi a sacrificare i nostri interessi e a inviare truppe dove gli altri ci dicono. Ancora una volta “proni a tutto”.

Foto: Ministero Difesa, Marina Militare, Lockheed Martin, RIA Novosti, napaki livejournal.com

Gianandrea GaianiVedi tutti gli articoli

Nato a Bologna, dove si è laureato in Storia Contemporanea, dal 1988 ha collaborato con numerose testate occupandosi di analisi storico-strategiche, studio dei conflitti e reportages dai teatri di guerra. Dal febbraio 2000 dirige Analisi Difesa. Collabora con i quotidiani Il Sole 24 Ore, Il Foglio, Libero, Il Mattino e Il Corriere del Ticino, con i settimanali Panorama e Oggi e con i periodici Limes, Gnosis e Focus Storia. E' opinionista delle reti tv RAI, RSI, Mediaset, Sky, La7 e radiofoniche Rai, Capital e Radio24. Ha scritto Iraq Afghanistan - Guerre di pace italiane.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password