I campi d'addestramento al jihad in Libia

al_qaeda_libya

da Libero Quotidiano del 21 marzo

La Libia ha una lunga tradizione in fatto di campi d’addestramento per terroristi e miliziani. Tra le dune e desolate pianure del suo deserto si sono addestrati alla guerra e al sabotaggio almeno tre generazioni di terroristi i primi dei quali furono europei appartenenti ai movimenti eversivi di ispirazione comunista (tra i quali le BR italiane, la RAF tedesca e l’IRA nord irlandese….) addestrati da istruttori del Patto di Varsavia nei campi messi a disposizione dal Colonnello Gheddafi, per anni stretto alleato dei sovietici le cui forze militari erano spesso ospitate nei porti e aeroporti libici.

Negli anni ’90 toccò invece a Gheddafi subire l’offensiva terroristica del Gruppo Militante Islamico Libico, movimento aderente ad al-Qaeda che tanti combattenti e kamikaze avrebbe poi dato alla causa di Osama bin Laden in Afghanistan e Iraq. I miliziani del GMIL, addestratisi in Afghanistan, realizzarono campi per reclute jihadiste nella regione del Jebel el-Akhdar, le Colline Verdi situate tra Derna e Bengasi divenute roccaforte dei ribelli islamisti fino al 1999, quando Gheddafi assoldò un migliaio di mercenari serbi reduci dai conflitti in Bosnia e Kosovo che sbaragliarono il GMIL con le stesse spietate tattiche utilizzate nel conflitto in ex Jugoslavia.

Quasi quattro anni dopo la morte del Colonnello, l’impervia regione delle Colline Verdi è tornata ad essere il rifugio degli islamisti libici confluiti nello Stato Islamico che hanno proclamato l’Emirato a Derna (città simbolo del jihadismo libico) evacuando però in gran numero la città dopo i pesanti raid aerei e delle forze speciali egiziane del mese scorso.

Il rientro di alcune centinaia (300 o forse 800) volontari libici che avevano combattuto in Siria con l’ISIS o il Fronte qaedista al-Nusra ha determinato nell’autunno scorso il proliferare di campi d’addestramento intorno a Derna grazie ai quali le milizie dello Stato Islamico in Libia hanno potuto ingrossare le loro fila fino a raggiungere, secondo le stime, i 3 mila combattenti.

Altri campi in Cirenaica sono stati segnalati dall’intelligence statunitense mentre gli 007 egiziani furono i primi a rilevarne alcuni in pieno deserto, a ridosso del confine, già alla fine del 2011 quando l’erede di Osama bin Laden e attuale leader di al-Qaeda, Ayman al Zawahiri, inviò in Libia 200 uomini scelti per organizzare le forze e addestrare un nuovo esercito jihadista.

L’iniziativa portò al rapido potenziamento di Ansar al-Sharia, movimento qaedista oggi avvicinatisi allo Stato Islamico che da mesi si contende con ,l’esercito libico del generale Khalifa Haftar il controllo di Bengasi, città i cui dintorni ospitano diversi campi d’addestramento uno dei quali apparso nei giorni scorsi in alcune foto che raffigurano la dura formazione delle reclute del jihad tra simulazioni di corpo a corpo, lezioni di tattica e sabotaggio, corsi di tiro.

Oggi l’intera Libia, in cui oltre 300 milizie tribali e ideologiche si contendono il controllo del territorio, a essere piena di campi d’addestramento. Nel sud ovest della Tripolitania e nel Fezzan i servizi segreti algerini hanno localizzato campi e basi logistiche dei qaedisti dell’AQMI (al-Qaeda nel Maghreb Islamico) attivi in territorio algerino e nel Sahel e fonti di stampa hanno in più occasioni raccontato di incursioni condotte oltreconfine dalle forze speciali algerine per distruggerli.

Di altri raids compiuti da forze speciali USA e francesi contro campi qaedisti nell’estremo sud libico si vocifera in Niger e Malì mentre un grande di campo di addestramento per miliziani dell’IS si troverebbe a soli 45 chilometri dal confine con la Tunisia secondo quanto dichiarato dal portavoce dell’esercito libico, Ahmed Mesmari, al quotidiano tunisino Assarih.

Mesmari ha detto che circa 3 o 4 mila jihadisti si addestrano regolarmente in un campo a Sabratha, (città costiera in mano all’IS)  la maggior parte dei quali sarebbero miliziani della branca tunisina di Ansar al Sharia. Forze fresche pronte a entrare in battaglia. Pochi giorni or sono le autorità tunisine hanno a smantellato  4 cellule arrestando 22 persone che reclutavano  giovani da dirottare verso i campi di addestramento di Ansar al Sharia in Libia.

Foto: AP, EPA, Stato Islamico

Gianandrea GaianiVedi tutti gli articoli

Giornalista bolognese, laureato in Storia Contemporanea, dal 1988 si occupa di analisi storico-strategiche, studio dei conflitti e reportage dai teatri di guerra. Dal febbraio 2000 dirige Analisi Difesa. Ha collaborato o collabora con quotidiani e settimanali, università e istituti di formazione militari ed è opinionista per reti TV e radiofoniche. Ha scritto diversi libri tra cui "Iraq Afghanistan, guerre di pace italiane" e “Immigrazione, la grande farsa umanitaria”. Dall’agosto 2018 al settembre 2019 ha ricoperto l’incarico di Consigliere per le politiche di sicurezza del ministro dell’Interno.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password