Parigi rilancia l’intesa industriale nel settore navale con Roma

24649-574x0

“Credo che in mare”, in materia di difesa navale, “Francia e Italia abbiano tanto da guadagnare unendo le forze e lavorando insieme” ha detto il ministro francese della Difesa, Florence Parly, intervenendo all’apertura salone Euronaval di Parigi in cui ha annunciato anche l’avvio degli studi per la realizzazione della futura portaerei destinata a sostituire la Charles De Gaulle dopo il 2030.

“Dinanzi alla concorrenza mondiale, ha dichiarato Parly, “credo che nostro interesse sia vincere insieme le gare piuttosto che perderle separatamente. Credo sia nostro interesse fare la scelta dell’Europa, moltiplicare le nostre capacità e ampliare gli orizzonti”.

IMG-20181023-WA0001 (002)

Tra l’altro, Parly, che in serata ha incontrato l‘omologa italiana Elisabetta Trenta (nella foto a lato), ha annunciato la commessa di quattro nuove navi da rifornimento per la Marina Militare francese che verranno costruite prevalentemente in Francia ma sulla base del progetto di Fincantieri per la nave logistica della Marina Militare Vulcano.

Nonostante il difficile momento nelle relazioni tra Roma e Parigi la volontà espressa dal ministro Parly di rilanciare l’intesa industriale nel settore navale con l’alleanza tra Fincantieri e Naval Group, consentirà all’Italia e alla Francia di rispondere alle sfide della concorrenza globale:

Parigi, dicono gli esperti, spinge per un approccio a tappe, quello descritto nel progetto presentato da Naval Group il 10 luglio scorso, con la creazione di una joint-venture di tipo Nissan-Renault, per lo sviluppo di attività condivise che rilancino la competitività sulla concorrenza russa e cinese. Il patron di Fincantieri, Giuseppe Bono, vuole invece una “fusione rapida” in stile Airbus dei mari.

1052805714-1024x1024

Oggi siamo in grado di proporre un dossier industriale solido con i nostri amici di Fincantieri”, garantisce il portavoce di Naval-Group, Emmanuel Gaudez, secondo cui gli elementi “negativi sono nettamente inferiori a quelli positivi”.

“Quanto alla joint-venture Fincantieri-Leonardo – ha proseguito – “va nella giusta direzione perché può contribuire a riequilibrare i rapporti di forza”. Parole in linea con quelle dell’ad di Leonardo, Alessandro Profumo secondo il quale l’accordo “non rappresenta in alcun modo” un ostacolo all’ alleanza con i francesi, anzi, la “facilita”.

L’ accordo siglato di recente tra Leonardo e Fincantieri – ha spiegato Profumo – “crea una situazione in Italia esattamente omogenea a quella che c’ è in Francia: in Francia Thales e Naval Group hanno un accordo strutturato per l’operatività comune, in Italia abbiamo creato una situazione simile: credo sia positivo ai fini della potenziale

maxresdefault

joint-venture” con Naval Group, ha insistito Profumo, secondo cui “una situazione squilibrata” avrebbe invece reso “più difficile trovare un percorso condiviso”. Tra l’altro, il potenziamento dell’unione con Fincantieri “ci permette di presentarci come sistema Paese, questo rafforza Fincantieri e Leonardo, sia nell’ ottica dell’alleanza con Naval Group” sia in altre fattispecie. “Credo che questo sia solo positivo”.

Giuseppe Bono, si è detto “molto contento e fiero” per il discorso della ministra Parly. “La collaborazione industriale e il consolidamento dell’industria europea – avverte – dovrebbero essere un obiettivo da perseguire con grande determinazione”.

(con fonte Ansa)

Foto AFP, Thales, Fincantieri e Ministero Difesa francese

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password