Proroga di tre mesi per l’Operazione Sophia

eunavfor med logo

Altri tre mesi per Sophia, la missione europea che da tre anni e mezzo dovrebbe contrastare i trafficanti e l’immigrazione illegale nel Mediterraneo. Il mandato dell’operazione navale EUNAVFOR MED + stato rinnovato di soli tre mesi per proseguire il negoziato tra l’Italia e gli altri Paesi dell’Unione.

mogherini_e_credendino_250

In ballo c’è la richiesta di Roma che i migranti eventualmente raccolti in mare dalle navi della missione europea vengano sbarcati nei porti dei paesi di appartenenza delle navi o comunque non in Italia.

La richiesta di rotazione dei porti di sbarco (la flotta Ue ha portato in Italia dal 2015 quasi 45 mila immigrati illegali) è stata ribadita dal governo italiano il 7 dicembre dopo il vertice tra il premier Giuseppe Conte con i ministri Matteo Salvini, Elisabetta Trenta, Enzo Moavero, il capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Enzo Vecciarelli, il comandante dell’Operazione Sophia, ammiraglio Enrico Credendino  (nella foto a sinistra con l’Alto rappresentante Ue per la politica esetera Federica Mogherini) e il segretario generale della Farnesina Elisabetta Belloni.

eunavfor_med_operation_sophia_triglav_rescue2

Il mandato della missione scadeva il 31 dicembre e in assenza di proroghe la missione si sarebbe esaurita.

Lo stop quasi totale degli sbarchi determinato dalle iniziative italiane e in particolare del Ministero dell’Interno hanno ridotto ad appena 106 i migranti sbarcati in Italia dalle navi della flotta Ue negli ultimi cinque mesi, contro i 13mila soccorsi e riportati indietro dalle autorità libiche.

L’operazione Sophia non è riuscita a contrastare i trafficanti di esseri umani e cura solo una minima parte dell’addestramento della Guardia Costiera libica, di fatto eseguito dalla Marina Militare Italiana. I compiti di pattugliamento anti-immigrazione della flotta Ue possono essere attualmente assolti dal dispositivo navale dell’operazione italiana Mare Sicuro che schiera attualmente 4 navi di fronte alle coste ibiche.

La flotta Ue si occupa anche di verificare che in Libia non entrino via mare carichi di armi in violazione delle risoluzioni dell’Onu e che dalla nostra ex colonia non escano carichi di greggio di contrabbando. Eventuali cambiamenti del mandato possono essere approvati solo all’unanimità dai 28 membri Ue.

Foto Eunavfor Med

 

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password