Gli USA raccolgono diffidenza tra Afghanistan, Iraq e Siria

FILE PHOTO: Afghanistan's President Ashraf Ghani meets with U.S. Defense Secretary Mark Esper in Kabul, Afghanistan, October 20, 2019. Picture taken October 20, 2019. Afghan Presidential Palace/Handout via REUTERS/File Photo

Nella sua recente visita a Kabul il segretario alla Difesa statunitense Mark Esper ha cercato di rincuorare il governo afghano e il presidente Ashraf Ghani assicurando che gli Stati Uniti non intendono ritirarsi come hanno fatto (solo in parte) dal nord-est della Siria dove hanno voltato le spalle alle milizie curde alleate, finite nel mirino dell’offensiva turca, per poi mantenere 500 militari a presidio dei pozzi petroliferi di quella regione siriana per impedire al governo siriano di prenderne legittimamente possesso.

US-Defense-Chief-in-Afghanistan-for-Firsthand-Look-at-War

Washington mantiene un “impegno di lunga data” in Afghanistan verso il quale la politica americana è completamente differente. “Tutto ciò dovrebbe rassicurare i nostri alleati afghani che non dovrebbero fraintendere le nostre azioni nell’ultima settimana nei confronti della Siria e vedere le differenze con l’Afghanistan” ha detto Esper il 21 ottobre.

360_helmand_0704

La visit, del segretario alla Difesa in Afghanistan giunge in un momento di grande incertezza per la missione militare Usa nel paese dopo la fine dei colloqui tra gli Stati Uniti e i Talebani ma soprattutto di generalizzata diffidenza degli alleati nei confronti di Washington i cui ritiri militari, annunciati o realizzati, mettono in gravi difficoltà gli alleati.

I colloqui tra Stati Uniti e Talebani si sono conclusi all’inizio di settembre, quando il presidente Donald Trump li ha sospesi dopo la morte di un soldato americano in un attacco, probabilmente un pretesto per giustificare uno stop alle trattative sul ritiro imposto dalle pressioni di Pentagono, intelligence e Dipartimento di Stato.

L’ inviato speciale degli Stati Uniti, Zalmay Khalilzad, da allora ha però avuto colloqui informali con i leader Talebani in Pakistan e lunedì è stato reso noto che gli Stati Uniti hanno accolto con favore la proposta cinese di ospitare un incontro tra rappresentanti del governo afghano e talebani.

U.S. Marines lower their flag during a handover ceremony, as the last U.S. Marines unit and British combat troops end their Afghan operations, in Helmand October 26, 2014. REUTERS/Omar Sobhani

La settimana scorsa, i talebani avevano fatto sapere di essere stati invitati da Pechino per un secondo round di incontri dopo i colloqui tenutisi, a luglio in Qatar, co-organizzati dalla Germania. Zalmay Khalilzad ha incontrato i colleghi da Cina, Russia e Pakistan, la settimana scorsa, a Mosca dove i quattro Paesi hanno rinnovato il sostegno per un “accordo di pace completo e sostenibile”.

Le quattro nazioni “hanno accolto con favore la proposta cinese di ospitare i prossimi colloqui inter-afghani a Pechino”, si legge nel comunicato stampa congiunto diffuso dagli Stati Uniti. Al momento non c’è ancora chiarezza sulla data dei colloqui anche perché resta l’ostacolo frapposto dai Talebani che rifiutano di negoziare formalmente con il governo di Kabul.

Nonostante la possibile ripresa dei negoziati e le rassicurazioni fornite da Esper a Kabul e lo stop ai negoziati coi Talebani il numero dei soldati statunitensi in Afghanistan si è già però ridotto (alla chetichella) di almeno 2.000 unità nel corso del 2019 ultimo anno, con il contingente Usa che ora non conta più di 12 mila effettivi.

NAV582_MaxxPro_Base_fire2

Lo ha ammesso – come riporta il New York Times – il comandante delle forze americane nel paese, il generale Austin Miller. Il graduale calo della presenza Usa in Afghanistan sta avvenendo nonostante si sia ancora lontani da un accordo di pace con i talebani e alcune fonti militari confermano che l’obiettivo è quello di ritirare in questa fase almeno 8.600 soldati su 14 mila presenti alla fine del 2018.

Il livello numerico di forze americane e NATO è già ora talmente basso da rendere impossibile il sostegno alle forze afghane in tutto il territorio afghano e con il ritiro previsto la situazione non potrà che peggiorare anche se gli USA hanno incrementato come mai prima d’ora le incursioni aeree.

Secondo i dati forniti dal Central Command nel settembre scorso sono state effettuate 948 missioni di bombardamento in Afghanistan, il numero più un alto in un solo mese dall’apice del conflitto nel 2010 quando le incursioni aeree nel mese di ottobre furono 1.043.

F-15Afgh

Le incursioni aeree americane erano scese da 2.365 nell’intero 2014 a sole 947 nel 2015 per poi salire rapidamente nel 2016 con 1.337 missioni di bombardamento cresciute a 4.361 nel 2017 e 7.362 nel 2018 mentre dall’inizio del 2019 a fine settembre i raid aerei sono stati 5.431.

Una conferma concreta della crescente pericolosità degli insorti che ben giustifica le preoccupazioni di Kabul per il progressivo ritiro dei militari statunitensi.

Anche perché, accordo con i Talebani o meno, il presidente Donald Trump sembra puntare decisamente a riturare un numero considerevole di forze militari dai teatri operativi in Medio Oriente e Afghanistan da spendere in termini di consenso in vista delle elezioni presidenziali del novembre 2020 in cui cerca un secondato mandato.

AP image

Un approccio che non sta certo rafforzando la fiducia negli USA da parte di alleati e partner. Ha colpito l’inedita dichiarazione del governo iracheno che il 22 ottobre scorso ha visto entrare nel suo territorio un migliaio di soldati americani ritirati dalla Siria.

Un comunicato dell’esercito di Baghdad ha annunciato che queste truppe statunitensi non hanno il permesso di rimanere nel Paese sottolineando che non c’è stato alcun via libera alla loro permanenza in Iraq.

Il comunicato ha contraddetto quanto affermato dal Pentagono, secondo cui tutti i soldati statunitensi che stavano lasciando la Siria sarebbero stati rischierati a tempo indeterminato nel settore occidentale dell’Iraq da dove “continueranno a condurre operazioni contro l’Isis”.

Foto Reuters, ISAF, AFP e US DoD

 

Gianandrea GaianiVedi tutti gli articoli

Giornalista bolognese, laureato in Storia Contemporanea, dal 1988 si occupa di analisi storico-strategiche, studio dei conflitti e reportage dai teatri di guerra. Dal febbraio 2000 dirige Analisi Difesa. Ha collaborato o collabora con quotidiani e settimanali, università e istituti di formazione militari ed è opinionista per reti TV e radiofoniche. Ha scritto diversi libri tra cui "Iraq Afghanistan, guerre di pace italiane" e “Immigrazione, la grande farsa umanitaria”. Dall’agosto 2018 al settembre 2019 ha ricoperto l’incarico di Consigliere per le politiche di sicurezza del ministro dell’Interno.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password