Mosca ordina un centinaio di cacciabombardieri Sukhoi Su-34 e Su-34M

b05d7c1a3b810bf888cb89b6b301051d

Il Ministero della Difesa russo ha concordato i dettagli del contratto per un nuovo lotto di cacciabombardieri Sukhoi Su-34 (Codice NATO “Fullback”). Si tratta di almeno 20 cacciabombardieri Su-34 da consegnarsi nei prossimi tre anni che si aggiungeranno a un nuovo contratto che sarà formalizzato nel 2021 per altri 76 velivoli nella nuova versione aggiornata Su-34M.

Nel primo caso si tratta probabilmente di velivoli destinati a sostituire nei ranghi delle Forze Aerospaziali (VKS) le prime macchine di serie entrate in servizio e oggi da aggiornare radicalmente e gli esemplari andati perditi (due o tre) o danneggiati in contesti operativi inclusa la Siria.

SU 34 inm Siria Min Difesa Russo TASS

Questo ordine potrebbe però avere anche l’obiettivo di mantenere attive le linee di produzione della Novosibirsk Aircraft Plant Company (NAPO) in attesa che venga completato lo sviluppo del nuovo Su-34M aggiornato e potenziato il cui contratto d’acquisto è previsto non prima della fine del 2021.

Entro il 2027 saranno consegnati alle almeno 76 nuovi cacciabombardieri come già anticipato  da Analisi Difesa nel 2017 e nel 2019 in una versione aggiornata attraverso l’upgrade dell’avionica, la dotazione di nuove attrezzature per la guerra elettronica (EW) e attraverso l’implementazione di nuove armi.

8ff7ed5ffcbde247daf3db16ee2f37e2

Come rilevato dal nostro webmagazine nel 2018 e nello scorso febbraio saranno installati inoltre dei pod da ricognizione specifici sviluppati in tre varianti: UKR-RT (ELINT), UKR-OE (con sensori optoelettronici) e UKR-RL (radar) in grado secondo i costruttori di rilevare emissioni radar, segnali radio e persino comunicazioni tra telefoni cellulari a centinaia di chilometri di distanza.

Fonti del Ministero della Difesa hanno confermato al quotidiano Izvestia che sebbene il contratto non sia ancora stato firmato i dettagli sarebbero stati già stabiliti e le imprese coinvolte nella realizzazione avrebbero ordinato numerose nuove componenti.

Secondo i rapporti di approvvigionamento saranno costruiti 76 Su-34M con la previsione di realizzare da 8 a 14 velivoli ogni anno fino al 2027 e con le prime unità che entreranno nella fase di assemblaggio già dalla seconda metà di quest’anno.

1b2a7cd7794ed43ce6071460f2f0b6da

Gli stabilimenti della NAPO incaricati della produzione in serie del Su-34 hanno realizzato finora per la VKS circa 16-18 velivoli ogni anno e nel 2019 sono stati consegnati ai reparti di volo gli ultimi 8 Su-34 concludendo le consegne con un anno in anticipo sul previsto rispetto a quanto stabilito nell’ultimo contratto siglato nel 2012.

La produzione seriale del Su-34 è infatti iniziata nell’aprile 2005 e nel 2008 è stato firmato un primo contratto con consegne spalmate su cinque anni per la fornitura dei primi 32 esemplari. Nel 2012 fu firmato infine un secondo contratto per l’acquisto di altri 92 velivoli le cui consegne dovevano appunto concludersi entro il 2020.

Mosca mira così a dotarsi di circa 200 Sukhoi Su-34: un numero che tiene conto anche della necessità, in un futuro non troppo lontano, di radiare i vecchi Su-24 “Fencer” ancora presenti nei reparti della VKS e dell’Aviazione di Marina in poco meno di 300 esemplari.

Foto Sukhoi e Ministero Difesa Russo

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password