Dettagli Autore

  • Elvio Rotondo44 Articoli

    Nato a Cassino nel 1961, militare in congedo, laureato in Scienze Organizzative e Gestionali. Si occupa di Country Analysis. Autore del Blog 38esimoparallelo.com, collabora con il Think Tank internazionale “Il Nodo di Gordio”. Alcuni suoi articoli sono stati pubblicati su “Il Giornale.it", “Affari Internazionali”, “Geopolitical Review”, “L’Opinione”, “Geopolitica.info”.

52052_900

Il 18 aprile la Cina terrà esercitazioni militari a fuoco nello Stretto di Taiwan. L’annuncio arriva dall’autorità per la...

Leggi tutto
images2XZBEZGB

Nei prossimi mesi si terranno vertici tra Pyongyang, Seoul e Washington creando una grande aspettativa nella risoluzione del problema...

Leggi tutto
indonesian-navy-1464696744

L’Australia, pur non facendo parte del gruppo di 10 nazioni dell’ASEAN (Association of South-East Asian Nations), ne ha ospitato...

Leggi tutto
joint-military-excercises

Tra le numerose attività addestrative annuali, Corea del Sud e Stati Uniti svolgono tre principali esercitazioni congiunte: la Key...

Leggi tutto
south-korean-loudspeakers

“Le operazioni psicologiche sono attività condotte in tempo di pace e di guerra, dirette a un uditorio, amico, nemico...

Leggi tutto
Roma, 3 lug. (askanews) - Sono oltre 36mila, tra morti e feriti, le vittime del terrorismo in Iraq nel 2014. Il bialncio di sangue, ad un anno dalla nascita dello Stato Islamico (Isis) autoproclamatosi il 29 giugno 2014, lo ha reso noto con un rapporto il ministero dei Diritti dell'Uomo iracheno. Oltre i morti e i feriti, il ministero ha censito anche altri danni provocati dalla furia distruttrice degli uomini del Califfato come la distruzione di ben 201 moschee e della fuga di circa mezzo milione di famiglie dalle province controllate dai Jihadisti: Ninive, al Anbar e Salhuddine.

"Il numero dei morti nel corso dell'anno scorso in tutte le province irachene ad eccezzione di Ninive, Salhuddine e al Anabr (quelle controllate dall'Isis, ndr) e la regione autonoma del Kurdistan è stato di 4722 persone uccise mentre quelle ferite sono state in 28.525", ha detto il ministero iracheno in un comunicato diffuso oggi. 

Pesante anche il bilancio delle vittime tra gli uomini dei media. Secondo i dati del ministero, dal 2013 al 2014 sono stati uccisi 406 giornalisti, "14 dei quali trucidati nel 2014". Tributo di sangue anche tra i magistrati che nel corso dell'anno appena passato hanno perso "sei giudici uccisi dai terroristi".

Nel rapporto del ministro viene censito anche il numero dei luoghi di culto musulmani distrutti dagli islamisti del Califfato; secondo i dati della Sovraintendenza sunnita dalla nascita dell'Isis a giugno ad oggi nelle zone controllate dagli uomini del Califfo Abu bakr al Baghdadi "sono stati colpiti 201 moschee". Ed infine stando ai dati del ministero della Migrazione, "nel 2014 sono state 493.990 le famiglie che sono fuggite dalle proprie province" a causa della violenza.

Il gruppo dello Stato Islamico sarebbe sempre più “disperato” e per rafforzare i suoi ranghi impiegherebbe anche donne in...

Leggi tutto
f4ba5c90-dc5e-11e5-ba33-b7a5a5ded6db_1280x720

Alla fine del mese di novembre 2017, dopo 38 anni di rapporti diplomatici, Cina e Gibuti hanno concordato di...

Leggi tutto
Japanese F-35 makes debut on Japan Air Self-Defense Force 60th anniversary parade 1

Di fronte a una Corea del Nord sempre più ostile, il primo ministro giapponese, Abe, ha fissato al 2020...

Leggi tutto
f-gsomia-b-20161124

Nonostante l’accordo sulla condivisione delle informazioni d’intelligence militare firmato lo scorso anno con il Giappone, la Corea del Sud...

Leggi tutto
5d75b5785b322642e3ad38a5be7e5c99

L’esercito americano per 30 anni ha tentato di spostare le sue forze, di stanza a Seul, fuori dalla capitale...

Leggi tutto

Pagina 4 di 5

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password