Al-Arabiya: gli obiettivi dei cyber attacchi iraniani

IranCyberArmy-1

Le attività segrete dell’esercito informatico di Teheran e le operazioni della sua intelligence sono al centro di un report realizzato da Al Arabiya.

Lo studio, si legge sul sito dell’emittente emiratina, ricostruisce alcuni dei movimenti ‘cyber’ della Repubblica Islamica e esamina alcuni dettagli dietro l’omicidio di Mohammad Hussein Tajik, precedentemente a capo del Khaybar center for information technology, accusato della diffusione di informazioni riservate.

L’articolo è corredato da un’intervista esclusiva al giornalista e attivista iraniano Roohollah Zam (vicino al Green Movement e attualmente residente in Francia), secondo il quale il centro informatico di Khaybar, al servizio dell’intelligence iraniana, avrebbe condotto operazioni contro gli Stati Uniti a danno delle banche e di altri centri di potere. Tra gli obiettivi delle operazioni degli hacker ci sarebbero stati anche un centro statistico del Regno saudita, le istituzioni israeliane e la rete elettrica turca.

Secondo le dichiarazioni di Zam, quattro pirati informatici coinvolti in queste operazioni sarebbero stati condannati, mentre altri tre apparterrebbero a frange estremiste provenienti dalle università del Cairo e del Pakistan. Il giornalista ha poi sottolineato come l’assassinio di Tajik fosse destinato a rimanere segreto e che se l’uomo fosse riuscito a lasciare il Paese avrebbe fatto rivelazioni importanti contro il regime, diventando una sorta di ‘Snowden’ iraniano.

Cyber Affairs

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password