MiG confida nella commessa indiana per l’export del MiG-35

1_MiG-35_MiG (002)

In visita presso lo stabilimento di produzione della MiG sito a Lukhovitsy, Ilya Tarasenko, direttore generale di RAC MiG nonché vice presidente per la Cooperazione tecnico-militare di UAC ha parlato ai giornalisti a proposito del nuovo MiG-35: il primo lotto di sei caccia multiruolo ordinati dalla Difesa russa in occasione del Forum Army 2018 dello scorso agosto sarà consegnato al cliente prima del previsto (i termini precedenti parlavano infatti del 2023).

mig-35_03

Secondo Tarasenko tutti i test congiunti del MiG-35 saranno ufficialmente completati a breve poiché i sei velivoli sono già entrati a far parte della fase effettiva di produzione. I precedenti test del costruttore sono invece iniziati a gennaio 2017 e si sono conclusi nel dicembre dello stesso anno.

Secondo il costruttore russo il MiG-35 riceverà nuove armi a guida laser e potrà utilizzare l’intera gamma di armamenti esistenti e futuri, ma è in virtù dell’installazione di un radar di ultima generazione AESA (Active Electronically Scanned Array) che il bureau MiG confida nell’esportazione del velivolo potendo contare su ritmi di costruzione di 36 velivoli l’anno.

A tal proposito lo stesso Tarasenko aveva dichiarato infatti che la società russa era pronta al trasferimento totale di tecnologie alla base del MiG-35 nel concorso indiano MMRCA per la fornitura di 110 caccia, radar incluso; segno inequivocabile (come più volte ribadito da Analisi Difesa) di quanto sia importante per il bureau russo aggiudicarsi questo corposo contratto.

mig-35_01

Le nfrastrutture logistiche già ampiamente usate in India per i MiG-29 potrebbero facilitare la commessa, ma gli indiani in tema di armamenti militari non sono facilmente inquadrabili in logiche di convenienza o in termini di rapporti geopolitici avendo acquistato negli ultimi anni armamenti in Europa e negli USA oltre che dalla Russia.

Quel che è certo è che la vittoria del MiG-35 nel concorso MMRCA potrebbe fornire uno sbocco notevole nel futuro processo di vendita del caccia multiruolo verso quei paesi dell’Africa, dell’America Latina e del sud-est asiatico che hanno espresso in passato un discreto interesse verso questo progetto.

Il MiG-35 (“Fulcrum-F” per la NATO) è considerato la versione più moderna e potenziata dell’intera famiglia dei Fulcrum; caccia multiruolo di generazione “4++”, è stato sviluppato sulla base delle varianti K/KUB/M/M2 realizzati dalla MiG; è dotato di un radar AESA Phazotron Zhuk-MAE fornito di sistemi più resistenti alle ECM capace di ingaggiare fino a dieci obiettivi potendone attaccare quattro contemporaneamente con una gamma di armi aria-aria e aria-terra sensibilmente ampliata, sistemi di volo fly-by-wire, 2 motori Klimov RD-33MKB a spinta vettoriale, avionica migliorata e sonda per il rifornimento in volo.

Foto RAC MiG

 

Maurizio SparacinoVedi tutti gli articoli

Nato a Catania nel 1978, si è laureato in Scienze della Comunicazione scritta e Ipertestuale. Collabora dal 1998 con alcune riviste del settore sull'esclusivo tema dell'aviazione militare sovietica e russa. Dal 2003 inizia la collaborazione con Analisi Difesa occupandosi del salone aeronautico MAKS di Mosca; successivamente prepara dossier su alcuni storici bureau di progettazione aeronautica russa (Tupolev, Beriev) e sulla storia dei missili aria-aria russi. Attualmente si occupa in particolare del settore esportazione degli aerei e degli elicotteri militari russi nel mondo.

Login

Benvenuto! Accedi al tuo account

Ricordami Hai perso la password?

Lost Password